Dio e l'umanità

Dio ha un Respiro vivente
Ed il nome di tale Respiro è: l'uomo.
L’uomo ha una Meta vivente
Ed il nome di tale Meta è: Dio.

L’uomo e Dio sono l’uno la suprema necessità dell’altro.
L’uomo ha bisogno di Dio per la sua più elevata realizzazione trascendente e Dio ha bisogno dell’uomo per la sua assoluta manifestazione sulla terra. L’uomo ha bisogno di Dio per realizzare la sua più elevata verità, la sua più elevata esistenza, Dio ha bisogno dell’uomo per manifestare Se Stesso totalmente, divinamente e supremamente qui sulla terra.

Sentiamo di aver bisogno di Dio più di quanto Egli abbia bisogno di noi ma questo è sbagliato. Dio ha altrettanto bisogno di noi, se non di più. Perché? Egli conosce la nostre potenzialità e possibilità infinitamente meglio di noi. Ci crediamo inutili, senza speranza e indifesi ma agli Occhi di Dio siamo realmente i Suoi strumenti divini ed Egli ci vuole usare in modi infiniti.

Questo è il Sogno che Egli vuole trasformare in Realtà. Dio vuole che noi siamo non solo infiniti ma anche eterni ed immortali. Egli sa che noi abbiamo tale capacità perché Lui ce l’ha data ed ora vuole che la utilizziamo.

Tu parli di Dio, ma noi non abbiamo nessuna  idea di chi sia Dio. Chi è Dio?

Dio è tutto Amore, è tutta Luce, è tutta Bellezza. Dio è ogni cosa: Verità, Pace, Luce, Beatitudine in quantità infinita. È con forma ed è senza forma.

Se fai esperienza di Dio come Pace dirai che Dio è Pace, se fai esperienza di Lui come Luce dirai che Dio è Luce, se fai esperienza di Lui come Amore dirai che Dio è Amore.

Poiché siamo esseri umani, secondo la nostra limitata comprensione diciamo che Egli è questo o che è quello ma Dio è realmente ogni cosa. Se vogliamo farne esperienza come estensione infinita senza forma, possiamo farlo, se vogliamo sperimentarLo intimamente come l’essere più luminoso proprio davanti a noi, Egli lo diviene.

Quando tocchi l’Albero-Dio puoi ricevere l’esperienza della Pace mentre qualcun altro avrà l’esperienza della Beatitudine, così tu dirai che Dio è tutta pace mentre egli dirà che Dio è tutta Beatitudine, ma è lo stesso Dio, la stessa Meta. Procedendo verso la Meta possiamo vederla in modi diversi, ma una volta raggiunta vediamo che essa è ogni cosa. Perciò se dovessimo descriverLo, darne una definizione, descriveremo l’Albero-Dio con l’aspetto che preferiamo. Possiamo aver avuto ogni genere di esperienza ma nella nostra espressione, nella nostra rivelazione, riveleremo l’aspetto che preferiamo.

Se Dio è ciò che vuoi,
Allora Egli non può mai venire per secondo.
Egli verrà sempre per primo.
Egli verrà
Come tuo Confidente.
Egli verrà
Come tuo Supremo consigliere.
Egli verrà
Come tuo solo Amico.

Vi è un solo Dio?

Vi è un Dio assoluto, ma ogni essere umano è una porzione di Dio. Il Dio Supremo è come l’oceano. Ogni goccia ha un po’ della coscienza dell’oceano quindi possiamo dire che ogni goccia è un piccolo dio, una parte di Dio. Se sei una porzione dell’infinito puoi anche dire che incarni l’essenza dell’Infinito.

Secondo la nostra filosofia indiana vi sono tanti dei quanti esseri umani. Cosa significa questo? Ogni essere umano ha Dio dentro di sé. La maggior parte delle volte il Dio dentro di noi è profondamente addormentato ma quando preghiamo e meditiamo il nostro Dio interiore viene alla luce. L’anima, che Lo rappresenta in noi, ha una completa ed inseparabile connessione con il Dio Assoluto.

Dio è un divino Giardiniere.
All’interno di ogni fiore-anima
Egli vede
La sua nuova ed unica Bellezza.

Dio è la tua parte più elevata, più illuminata, più perfetta. Sei costituito da due parti: una più elevata, l’altra più bassa. La maggior parte del tempo stai in quella più bassa, ma quando diventi pienamente consapevole della tua parte più elevata e la tua parte più bassa è completamente trasformata e unita con l’Altissimo, in quel momento non sei altro che Dio. Sebbene non sia ancora riconosciuta o rivelata, la tua parte più elevata, più sviluppata, più perfetta e illuminata è Dio. Tuttavia quello che sei ora non è perfetto, è lontano dalla perfezione.

L’eterna domanda dell’uomo:
Chi è Dio?
L’immediata risposta di Dio
"Figlio mio, chi altri è Dio,
Se non tu?”

Alcune persone affermano di non credere in Dio, ma sono ugualmente brave persone e sembrano felici. Come puoi spiegarlo?

In qualunque modo apprezziamo la realtà o vogliamo identificarci con la realtà dobbiamo sentire che stiamo apprezzando e ci stiamo identificando con la Divinità. Questa Divinità possiamo chiamarla Dio o Spirito o Essere. Se non vuoi chiamarla Dio, sei libero di farlo, ma devi chiamarla felicità e la felicità stessa è Dio. Puoi apprezzare la bellezza della natura e se sei felice, la felicità di cui fai esperienza è Dio, in altre parole, se Dio deve essere definito allora vorrei dire che Dio è felicità.

La vera realtà
È la semplicità naturale
E non la complessità.
La complessità non è mai stata in relazione
con la realtà.

Può Dio essere equivalente all’energia?

Dio non solo equivale all’energia, Dio Stesso è energia.Dobbiamo sapere quale aspetto di Dio ci interessa. Se Lo preferiamo in forma di energia, Dio verrà a noi in forma di energia infinita, se invece la nostra mente e il nostro cuore sono attratti da Lui nella forma di essere umano, Egli verrà e starà davanti a noi come un essere umano nella sua forma più luminosa.


Quando parli del “Supremo” ti riferisci a Dio?

Invece di usare il termine “Dio” il più delle volte uso il termine “Supremo”. Chiedo ai miei studenti di fare lo stesso perché sento che ci dà una connessione più profonda con Lui. Sebbene Dio ed il Supremo siano uno, vi è una sottile distinzione tra i due. Quando parliamo di realizzazione di Dio, “Dio” è sinonimo di “Supremo”, tuttavia comunemente, quando diciamo “Dio”, sentiamo che Egli incarna un’altezza che è statica, come una montagna che è alta, ma piatta. Quando usiamo il termine “Dio” sentiamo che Egli ha raggiunto la Sua Altezza e si è fermato. Non ha una coscienza in costante evoluzione, è qualcosa di concluso, un prodotto finito.

Quando invece diciamo “Supremo”, sappiamo che stiamo parlando del Signore Supremo che non solo ha raggiunto l’Altezza assoluta, ma che in ogni momento va oltre, oltre e trascende la Trascendenza. Vi é un costante movimento ascendente.

Egli è eterno ed immortale.
Egli è nel mondo ed oltre il mondo.
Egli è il Creatore,
Sia universale che trascendentale.

È possibile avere una prova filosofica di Dio o dobbiamo dipendere dalla fede?

Dobbiamo dipendere dalla nostra sincerità. Se vedi qualcosa la puoi riconoscere come tale o puoi chiamarla allucinazione mentale. Quando un Maestro spirituale medita nella coscienza più elevata, egli offre pace, luce e beatitudine in gran quantità. Se lo guardi, immediatamente vedrai in lui il riflesso della coscienza di Dio, la sua coscienza sarà tanto trasformata che sicuramente ti renderai conto che Egli è in qualche altro luogo: il suo volto sarà radioso e tu vedrai qualcosa dentro di lui.

La filosofia è nella mente, la spiritualità è nel cuore. Se vuoi definire Dio con la mente non sarai mai in grado di farlo, devi vederLo con il cuore. La migliore prova di Dio è la nostra coscienza. Se vai da un Maestro spirituale e mediti per alcuni minuti vedrai la differenza nella tua coscienza. Il giudice sia quindi la tua sincerità.

Dio non deve convincerti
Della Sua Esistenza.
Convinci te stesso
Che sei venuto al mondo
Per fare qualcosa di grande
Ed essere qualcosa di buono.


Trova più argomenti... Raccolta di brani nel sito Sri Chinmoy Centre.